Prenota
By / 1st settembre, 2015 / Cibo / Off

Mangiare a Roma: 5 piatti che ogni visitatore dovrebbe provare

I miei ospiti mi chiedono sempre di indicargli le specialità romane da provare. Nonostante in Italia la cucina sia un culto, spesso molti turisti italiani si perdono alcuni piatti tipici della tradizione romana. Vuoi essere uno di loro? Se la risposta è no, leggi questo articolo.

AMATRICIANA

amatriciana

Questo è un piatto molto comune presente in tanti menu a Roma. Anche se la salsa ha pochi ingredienti, tutti sembrano avere la loro versione. Gli ingredienti base per una amatriciana autentica sono il pomodoro, guanciale e pecorino romano grattugiato con i bucatini come formato tradizionale.



BACCALA’

baccala

Una prelibatezza di Roma è il baccalà, pesce fritto di solito in forma di “filetti”.


CARCIOFI ALLA GIUDIA

carciofi

Questo piatto nasce nell’ex ghetto ebraico e dovrebbe essere ordinato solo quando i carciofi romaneschi sono di stagione, ossia nel tardo autunno a primavera. Si tratta di carciofi fritti in olio extravergine d’oliva e conditi con sale.


ABBACCHIO

abbacchio

L’abbacchio è praticamente obbligatorio per il pasto di Pasqua a Roma e sono molti i piatti realizzati con questa carne ma uno dei modi più tipicamente romani è in costolette detto anche “scottadito”, un riferimento umoristico al fatto che è generalmente mangiato con le mani.


CACIO E PEPE

cacio-pepe

Un piatto semplice, sobrio, ma incredibilmente buono. Ogni romano vi darà la sua personale ricetta. Tuttavia, il segreto di questo piatto minimalista è la qualità degli ingredienti e dei tempi. La pasta cotta al dente, il pecorino appena mescolato nel piatto, un pizzico di pepe.